STAGIONE ARIBERTO 14-15

Stagione 2014-2015 del Nuovo Teatro Ariberto!
Vieni all’OpenDay il 27 settembre, e ne saprai di più…

continua a leggere
23 Novembre 2014
2014-07-07 05.55.32

AIMA e NTA invitano alla CONVERSAZIONE

INCONTRO GRATUITO APERTO AL PUBBLICO

Programma

• Ore 18,30 Apertura evento
• Ore 19,00 Estratto del monologo “Tortellini Crudi” di Marco Filatori
• Ore 19,20 Parlano di Alzheimer
Maura Tani, giornalista RAI
Cinzia Negri Chinaglia, geriatra
Gabriella Bottini, neurologa
Patrizia Spadin – Presidente AIMA
Ogni donazione a favore di AIMA sarà gradita

La malattia di Alzheimer è una delle patologie a più grave impatto sociale del mondo. 
Le cause sono: la sua ampia e crescente diffusione nella popolazione, la limitata e comunque non risolutiva efficacia delle terapie disponibili, e le enormi risorse necessarie per la sua gestione (sociali, emotive, organizzative ed economiche), che ricadono in gran parte sui familiari dei malati. 
Sono fondamentali per la sua gestione la preparazione e il supporto, informativo e psicologico, rivolto ai “caregiver” (parenti e personale assistenziale) del paziente, che sono sottoposti a stress fisici ed emotivi significativi, in particolare con l’evoluzione della malattia. 
Una chiara informazione ai famigliari, una buona alleanza di lavoro con il personale sanitario, e la partecipazione a forme di supporto psicologico diretto (spesso tramite specifici gruppi di auto/mutuo aiuto tra pari), oltre all’eventuale coinvolgimento in associazioni di famigliari, rappresentano essenziali forme di sostegno per l’attività di cura. 
Queste sono le motivazioni che hanno spinto il Nuovo Teatro Ariberto a preparare la Conversazione sull’Alzheimer del 23 novembre  e cercare di creare coscienza verso il pubblico milanese e lombardo dell’esistenza di associazioni che possono aiutare i malati ed i loro famigliari: “Non siete da soli ad affrontare la malattia”

Si vuole anche dare l’opportunità ai famigliari di approfondire la tematica da diversi punti di vista: 
• medico-specialistico
• come problematica sociale
• con persone che possono condividere i vissuti perché hanno familiari con la malattia
Tortellini Crudi:
È un figlio che racconta l’irruzione nella sua vita di una madre malata della cosiddetta “malattia di Alzheimer”. Parla con lei, o con ciò che resta di lei, o con la sua idea di lei. E con gli spettatori, costretti a subire una specie di confessione pubblica. E con parte della famiglia, convocata in platea come in un triste tribunale, dove chiudere alcuni conti e, di conseguenza, aprirne altri. 

 

downloaddownload (1)

 

Locandina Programma 23 novembre

continua a leggere
28 novembre 2014
????????????????????????????????

Convegno Nazionale Osservatorio Storytelling

 

Il Nuovo Teatro Ariberto ospita il 28 novembre 2014 il convegno NARRABILITY, sai raccontare la tua storia? – Competenze della narrazione, narrazione delle competenze”, l’appuntamento biennale organizzato dall’Osservatorio Italiano Storytelling ed ispirato quest’anno al tema delle competenze narrative che si incarnano nel nostro quotidiano.

Impegnato nella divulgazione delle Scienze Narrative, l’Osservatorio Italiano Storytelling ha pensato la giornata come una testimonianza in diretta di storytelling: un teatro come location, importanti esperienze narrative raccontate on stage dai protagonisti, supporto tecnologico e fotografico trasformeranno il IV convegno in un palcoscenico di Live Storytelling!  

L’agenda è stata costruita attingendo a esperienze narrative provenienti da diversi settori di mercato: musica e agricoltura, industria tessile e turismo, cinema e scienza. Cos’hanno infatti in comune il MUSE – Museo della Scienza di Trento ed ENI, il riso vercellese e il progetto Italy in a Day, solo per citare alcuni testimonial del convegno? E non mancheranno gli interventi scientifici, tra cui spiccano la Scuola Holden e l’Università Bicocca.

Offrire lo storytelling come esperienza da far vivere al pubblico. Con questo obiettivo il convegno si arricchisce di servizi a latere per un Live Storytelling: gli scatti d’autore del fotografo Fabrizio Contu racconteranno le emozioni più intense della giornata (visual storytelling), mentre RFID Global animerà l’ambiente circostante grazie alla tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) ed alla partecipazione del pubblico!

Il tutto valorizzato dal sapiente design di Crea Identity, società specializzata in Brand Design e Visual Storytelling.

Lo spirito e la vocazione che permeano il Nuovo Teatro Ariberto sono in totale sintonia con i temi cari all’Osservatorio. Qui, grazie a una sapiente contaminazione tra gli interventi dei relatori e i contributi offerti dall’attrice teatrale Elena Gaffuri, i linguaggi della narrazione prenderanno forma attraverso un mosaico di suggestioni, rendendo il teatro protagonista silente di un evento in cui la parola arriva ad agglutinarsi e a fondersi con la gestualità.

Un altro modo per mostrare la narrAbility, che non è solo parola e struttura strategica, ma anche gesto, emozione e presenza scenica. Live Storytelling!

Ulteriori info ed iscrizione al convegno NARRABILITY

http://www.storytellinglab.org/convegno-nazionale-2014/

Nuovo Teatro Ariberto

via Daniele Crespi 9, Milano

venerdì, 28 novembre 2014 dalle 09.00 alle 17.00

continua a leggere
18 dicembre 2014
vampiro

Storia e Narrazione

Storia e storie di Natale

di e con Paolo Colombo e Chiara Continisio

Natale è più di ogni altra cosa ‘attesa’: attese gioiose e trepidanti, ma anche nervose e malinconiche. Attese che durano secoli, giorni o anche solo minuti. Attese annunciate dalle Sacre Scritture. Attese descritte dalle canzoni. Attese personali e nascoste. Attese che segnano la storia. Attese raccontate in questo caso per l’appunto da due storici, Paolo Colombo e Chiara Continisio, che scivolano leggeri, come una slitta sulla neve, da Betlemme alla Finlandia, da Stille Nacht a Jingle Bells, dai Re magi a John Lennon, dalle piccole storie natalizie alla grande Storia del mondo.

continua a leggere
7 Gennaio - 1 Febbraio 2015
unnamed

Uno spettacolo di Marco Filatori.

Con Mohamed Ba, Mauro Negri, Silvia Ripamonti/Laura Deni, Andrea M. Sbracia, Mirko Lanfredini.

Dici Cyrano e pensi al naso. Ma ovviamente il naso è una metafora della diversità. Se sei un grande poeta, ma sei eccentrico rispetto alla cosiddetta normalità, rischi di avere poche chances, soprattutto con una bella e nobile fanciulla che è, come forse è giusto, per prima cosa attratta dall’aspetto fisico dei suoi pretendenti. Certo, Cyrano è nobile, coraggioso, forte e letterato d’ingegno, ma tutto scompare di fronte a quel difetto così grande che tutto il resto mette in ombra. No, non il naso questa volta, ma il colore della sua pelle. Nella nostra messinscena abbiamo pensato a una “metafora della metafora”, così da chiudere il cerchio, rendendo tutto attuale e ancora più vicino a noi. Perché si tratti di un difetto fisico, del colore della pelle o di un accento strano, siamo sempre pronti a renderci infelici l’un l’altro.

Dal 7 gennaio all’1 febbraio 2015!

Nuovo Teatro Ariberto via Daniele Crespi 9 Milano
Ore 20.45 – domenica ore 16.30. !

Attenzione: la domenica del 18 Gennaio lo spettacolo sarà alle 20.30.
Lunedì e martedì riposo

www.teatrodelbattito.jimdo.com

Articolo su teatro.it, clicca qui.

Locandina NOIR CYRANO – francese

continua a leggere
26 gennaio 2015
unnamed

Speciale Giornata della Memoria 2015

di Claudio Tomati
Lettura scenica di Mauro Negri

Il protagonista è un “omino” che vive, anzi sopravvive, nei vicoli di Napoli durante l’occupazione
nazista. Davanti a casa sua mette per terra una cassetta della frutta ed espone la poca mercanzia
che riesce a procurarsi. Vende al mercato nero sigarette, calze da donna e poco altro. Un
semplice, che un giorno viene travolto dalla Storia: finisce in un rastrellamento nazista. Dopo
un’Odissea paradossale e tragica si ritrova in un campo di sterminio, Buchenwald, davanti ai
gerarchi nazisti, annoiati e stanchi al termine di una dura giornata di lavoro. Lui è italiano e
siccome “italiani tutti attori!”, vogliono che li distragga un po’, che li diverta, che racconti qualche
storiella. E lui racconta proprio le sue disavventure, dai vicoli a Buchenwald!

26 gennaio 2015 ore 20.45 Nuovo Teatro Ariberto
via Daniele Crespi 9 Milano.

continua a leggere
1 2 3 8